Fatturazione Elettronica 1 agosto 2016

Nuove verifiche sui file inviati a regime dal 1 agosto 2016; dal 2017 incentivata anche la fatturazione elettronica B2B.

A cura dell'Ufficio Marketing

Anche le procedure di fatturazione elettronica si evolvono e il formato del flusso da inviare viene progressivamente affinato in funzione delle criticità emerse tra PA e fornitori.

Ecco allora che a partire dal 09/05/2016 è in vigore la release 1.2 dei controlli effettuati sui file trasmessi al Sistema di Interscambio (le cui specifiche sono consultabili sul sito governativo dedicato alla fatturazione PA).

Tale versione entrerà a regime dal 1 Agosto e introduce una serie di verifiche sui dati presenti nei file trasmessi al Sistema di Interscambio. Per consentire il necessario adeguamento al nuovo regime di verifiche, fino al 31 luglio 2016 il mancato superamento di uno o più di questi nuovi controlli non comporterà lo scarto del file, ma solo una segnalazione che verrà riportata all’interno della Ricevuta di consegna o della Notifica di mancata consegna. Dal 1 agosto 2016 i file che non dovessero superare uno o più di questi controlli verranno scartati.

Il nuovo regime di effettuerà una serie di controlli aggiuntivi, tra cui, in particolare, la verifica di integrità - per garantire che il documento non sia stato modificato successivamente all’apposizione della firma -, la verifica di autenticità del certificato di firma sulla base delle informazioni messe a disposizione dalle “Certification Authorities”, la verifica di conformità del formato fattura. E ancora, saranno controllate anche la validità del contenuto della fattura, per accertare la presenza dei dati necessari al corretto inoltro del documento al destinatario e prevenire situazioni di dati errati e/o non elaborabili, l’unicità della fattura emessa, al fine di intercettarne un accidentale re - invio, le dimensioni e la nomenclatura del file.

In Mago sono stati allestiti appositi test sulle varie casistiche riportate dall’Agenzia delle Entrate. L’esito delle verifiche ha confermato che l’ERP è già allineato alle nuove regole perché è capace – tramite il modulo Fatturazione Elettronica di Mago, connesso alle soluzioni FATEL e FATEL WEB Zucchetti –, di gestire i controlli necessari, risultando quindi conforme alla più recente versione dei controlli richiesti per fatturare alla PA.

Non è tutto: esiste un altro tema da considerare attentamente, che sarà argomento “caldo” nei prossimi mesi in campo B2B. Stiamo parlando della Fattura Elettronica tra imprese, un altro tassello verso la digitalizzazione del paese. Il Decreto sulla Fatturazione Elettronica B2B prevede, a decorrere dal 1° gennaio 2017 e su base volontaria, l’invio telematico all’Agenzia delle Entrate dei dati di tutte le fatture emesse e ricevute, anche mediante Sistema di Interscambio.

L’adozione della Fatturazione Elettronica nelle relazioni tra le imprese, accanto a quella già obbligatoria verso la PA, non potrà essere formalmente obbligatoria, ma sarà fortemente incentivata. I soggetti che sceglieranno di avvalersi della fatturazione elettronica tra privati, infatti, dovrebbero essere agevolati nell’effettuazione della trasmissione telematica e potrebbero coniugare comunicazione commerciale e fiscale. Sarebbero per loro aboliti adempimenti come lo Spesometro e la comunicazione delle operazioni con i Paesi Black List e i modelli INTRA riferiti agli acquisti di beni e servizi, adempimenti onerosi e sgraditi che gravano sull’operatività delle imprese. Il contribuente, poi, otterrebbe rimborsi IVA più veloci.

Essere sempre aggiornato è facile: non devi far altro che affidarti agli strumenti pensati per generare fatture elettroniche in pochi passi, direttamente dal tuo software gestionale Mago. Grazie alla connessione con i servizi Fatturazione PA di Zucchetti potrai sempre contare su una risorsa efficiente e aggiornata.